Risotto Thai al Radicchio e Robiola

radicchioris

E’ un primo piatto benefico e gustoso al contempo la ricetta che presentiamo oggi. Oltre che veloce: preparare il risotto Thai al radicchio e alla robiola è semplice ed economico.

 

Vediamo cosa vi occorre:

 

Ingredienti per 4 persone

1 pianta di radicchio Chioggia

1 testa di aglio

150 ml di Marsala secco

2cucchiai d’olio extravergine d’oliva

320 gr (circa) di Riso Thai

1 Robiola

Sale/pepe q.b

 

Molti conoscono le proprietà benefiche del radicchio, tuttavia per chi non le conosce le ricordiamo. Anche conosciuto come “cicoria rossa” il radicchio, sia esso il tipo di Treviso o il Chioggia, è altamente depurativo, è composto per oltre il 94% da acqua, ha fibre, vitamine B, C e K, zuccheri e, tra i sali minerali sono presenti: calcio, ferro, potassio, sodio, fosforo, magnesio e rame.  Con sole 13 kcal in 100 grammi risulta un alimento ipocalorico che dà senso di sazietà, per questo può essere utilizzato in qualsiasi dieta. Ovviamente senza la Robiola, un formaggio fresco a pasta molle, decisamente calorico (anche se saporito). Il Riso Thai invece è un riso orientale, comune ormai anche da noi, con un grana affusolata e delicata, ottimo per cottura di piatti a base di pesce, verdura o come contorno da formare per il sushi.

     Procedimento:

Rosolate il radicchio, tagliato precedentemente a listarelle grossolane, con l’aglio, intero e scamiciato, e l’olio in un tegame a due manici chiuso da un coperchio. Dopo circa 10 minuti, o comunque a metà cottura, togliete l’aglio e aggiungete sale/pepe secondo il vostro gusto assieme al bicchierino di Marsala secco.  Quando il radicchio risulterà appassito e si sarà formata una crema densa e rosso scura, potrete versare 250 ml d’acqua nel tegame, togliere il coperchio e buttare il riso Thai. Prima di quest’operazione vi consiglio d’assaggiare il radicchio appassito e, se lo si necessita, aggiustare di sale, dal momento che il riso sarà mantecato direttamente in pentola.

Girate continuamente il composto tenendo d’occhio il livello dell’acqua, rabboccando in caso di un consumo eccessivo (spesso dovuto alla fiamma del fornello troppo alta, se è così ricordate: si cuoce sempre e solo a fuoco lento!), fino a completare, quasi, il minutaggio di cottura del riso indicato sulla scatola. Due minuti prima del termine della cottura, e comunque appena vi rendete conto, dall’asciugatura dell’acqua, che si sta ritirando troppo il risotto, mettete la Robiola, facendola sciogliere completamente. Uniformate il tutto, servite a piacere (potete, ad esempio, guarnire i piatti con delle foglie crude tagliate a listarelle, oppure intere ai margini del piatto!) e gustatelo.

Buon appetito!

 

 

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply